Storia e attività

Il Ce.Doc. - Centro di documentazione sul movimento cattolico, dopo una prima fase rivolta alla pubblicazione di alcuni lavori dello storico bresciano mons. Antonio Fappani (anni 1968-1970), nasce ufficialmente con l’Assemblea costitutiva del 1° giugno 1971 (rogito notaio Bonardi), che ne approva anche lo Statuto.

I soci fondatori sono:

- il Vescovo Ordinario di Brescia
- L’Azione Cattolica diocesana di Brescia
- L’ Editrice La Scuola di Brescia
- La Banca S. Paolo di Brescia

Presidente viene eletto il rag. Carlo Albini, vice presidente il dott. Giuseppe Camadini, direttore Mario Faini.

Nel primo Consiglio di Amministrazione sono chiamati inoltre i soci: sen. avv. Lodovico Montini, prof. Dario Morelli, mons. Luigi Morstabilini vescovo di Brescia, dott. Renato Papetti, ing. Paolo Peroni.

Il Centro, che aveva iniziato l’attività operativa il 1° febbraio 1971, organizza il suo primo convegno nel settembre 1972 all’Eremo di Bienno (Brescia) sul tema: «E’ storicamente fondata la contrapposizione fra cattolici moderati e cattolici progressisti?».

Dopo questo primo convegno l’attività del Ce.Doc. può essere riassunta nel modo seguente:

1) organizzazione di 21 convegni di studio ;
2) pubblicazione di 107 volumi ;
3) realizzazione di uno schedario di oltre 8.000 unità cartacee riguardanti, in particolare, il movimento cattolico bresciano dall’unità d’Italia a oggi;
4) raccolta e riproduzione di materiale archivistico tratto dall’Archivio Centrale dello Stato e dall’Archivio Segreto Vaticano, nonché dall’Archivio dell’Opera dei Congressi e da archivi locali, provinciali, diocesani e parrocchiali;
5) costituzione di una biblioteca specializzata formata da un migliaio di volumi , comprendente anche una emeroteca ;
6) costituzione di un archivio fotografico relativo a personaggi non solo bresciani;
7) riproduzione microfilmata de “L’Osservatore cattolico” (giornale milanese della seconda metà dell’Ottocento) e relativa schedatura di parte dei contenuti afferenti a vicende e personaggi bresciani;
8) reperimento e archiviazione informatica di materiali tratti da interviste ad esponenti dei diversi comuni della provincia, relativi ai “Primi anni della Democrazia Cristiana a Brescia”;
9) organizzazione di due corsi per studiosi di storia bresciana tenuti negli anni 1982 e 1983 e di un seminario sul mondo cattolico bresciano tenuto nel 1987, articolati in lezioni settimanali tenute da illustri docenti di storia.